Tutto quello che devi sapere prima di entrare in un’agenzia per un packaging

truffatore_

Sono una persona molto schietta. Lo sanno bene le aziende che si sono rivolte a me per il packaging design di un prodotto e, ti dirò di più, i miei clienti mi apprezzano anche per questo aspetto.

Dico esattamente quello che penso, anche quando ciò che penso è in netto contrasto con ciò che pensa il mio cliente.

Chi mi ha conosciuto, e ha conosciuto quindi il mio modo di lavorare, sa che non lo faccio per presunzione o tanto per fare il bastian contrario. Lo faccio perché io lavoro solo per i risultati e se la tua idea viaggia nella direzione opposta, è mio dovere fartelo presente. Mi paghi per questo.

Il titolo dell’articolo ti ha preannunciato cosa troverai tra queste righe: tutto quello che devi sapere prima di entrare in un’agenzia per il packaging del tuo prodotto. Ho pensato di scriverlo perché trovo sia utile e necessario diffondere una sorta di vademecum, cosicché tu stesso possa essere preparato a muoverti nell’universo delle agenzie che si occupano di packaging e a scegliere per il meglio.

 

Regola N.1 – Diffida di chi ti promette un Packaging Creativo

Io lo so: per il tuo prodotto vuoi un packaging che si distingua da tutti gli altri, originale e d’impatto. Sono certo che non faticherai a trovare agenzie che ti prometteranno tutto questo. Ti diranno che studieranno per te un packaging creativo, anzi, kreativissimo. E tu ne sarai entusiasta e non vedrai l’ora di avere davanti ai tuoi occhi un packaging scintillante di creatività.

Sai, invece, cosa faticherai a trovare? Un’agenzia che ti dica: “Studieremo per te un packaging che venda”. Tante agenzie tendono a prendere le distanze dai risultati, dicendoti: “Non ti posso promettere nulla”. Altre, invece, ti dicono che sì, il loro packaging aumenterà le vendite del tuo prodotto. Ma dimmi un po’: in che modo puoi fidarti di chi ti vende la creatività come primo valore del tuo packaging?

Io non prometto mai un packaging creativo. Io prometto di impegnarmi al massimo per ottenere un packaging che venda, su analisi fatte e non perché creativo ma perché studiato con il metodo del Packaging Positioning™. E qui veniamo alla regola numero due.

 

Packaging Positioning: l’unico metodo per avere un packaging orientato alle vendite. Scoprilo con noi! →

 

 

Regola N.2 – Obiettivo Packaging Positioning™

Vuoi vendere il prodotto? Allora chiedi uno sviluppo del Packaging Positioning™. Significa che dietro al packaging del tuo prodotto non ci sarà solo la creatività, ma uno studio approfondito:

  • del tuo mercato;
  • della differenziazione del prodotto;
  • del target;
  • della comunicazione;
  • dell’imballaggio.

Te lo dico chiaro e tondo: passando dal Packaging Positioning™ avrai la possibilità di codificare i risultati delle tue vendite, avendo un quadro completo del mercato, NON CON LA CREATIVITA’. Per approfondire, ti invito a leggere l’articolo in cui ti parlo di Creatività VS Posizionamento.

 

Regola N.3 – Affidati allo Specialista

Per finire.
Vuoi acquistare un mobile antico?
Tra un negozio di antiquariato e uno che vende antichità di ogni genere in mezzo a del vintage – insomma, un po’ di tutto –, di quale ti fidi di più? Compreresti, serenamente, un Luigi XVI messo di fianco a dei dischi in vinile? O, ancora peggio, se dovessi aver bisogno di un avvocato, andresti da un civilista che fa divorzi, che si definisce tributarista e segue anche cause penali?

In entrambi i casi, sono certo che preferiresti lo specialista al generalista. Perché la specializzazione, per te, equivale a una garanzia dovuta all’esperienza e alla competenza di un’azienda verso un certo prodotto o servizio.

Ricordati che lo stesso discorso può essere applicato ai servizi di marketing e comunicazione: se vuoi fare PR, vai da un’agenzia specializzata in PR; se vuoi approcciare l’email marketing per il tuo business, rivolgiti a un professionista conosciuto come esperto di sales funnel e conversion funnel.

Insomma, chiedi il meglio e avrai i risultati che vuoi ottenere. Se no, non lamentarti se non hai pescato la carta giusta.

Non è una questione di fortuna!

 

Se hai bisogno, contattaci.

 

Michele Bondani
Entra nel mondo del marketing nel 1996, nel 1999 ha fondato Ardigia Marketing Funzionale, nel 2013 fonda Packaging in Italy, l'agenzia di Pack dal Design italiano.
Nessun Commento

Lascia un commento: