Packaging appendibile: fai trovare il tuo prodotto

packaging-appendibile

Nel punto vendita gli spazi sono completamente cambiati, quello che vale, detto in termini brutali sono assolutamente in mq degli scaffali. I dati che ho letto risalgono ad Aprile 2015 riportano queste cifre, nel 2014 in Italia il rendimento medio di un ipermercato è risultato  essere di 6.313 €/mq mentre quella di un superstore di 7.946 €/mq, rispetto al 2008 dove il canale ipermercato ha subito una diminuzione del 16,8%, mentre gli spazi del superstore un aumento del 5,4% (fonte Cermes – Università Bocconi, elaborazioni su dati IRI e aziendali).

 

Per questo un packaging appendibile è una tipologia di confezione che permette al prodotto di avere una presenza sul punto vendita differente dalla classica mensola dello scaffale e sfruttare spazi differenti. Infatti, come il nome stesso ci fa intuire, è un packaging studiato per essere appeso e non appoggiato su un ripiano.

 

Il packaging appendibile può rappresentare un’ottima opportunità per diverse tipologie di prodotto ed è esattamente di questo che voglio parlarti.

 

Quando studi un packaging pensa a tutte le soluzioni

Quando studi lo sviluppo e la struttura di un packaging, cerca di capire dove devi posizionarlo esattamente, il segmento di mercato interessato e il punto vendita. In pratica non lasciare nulla al caso e non limitarti alle soluzioni più comuni e facili perché in molti casi non sono la scelta migliore.

Abbiamo detto che gli spazi – i mq all’interno di una superficie di vendita – si misurano in euro, pertanto quando in agenzia sviluppiamo un nuovo packaging, nella nostra mente la proiezione finale è sullo scaffale, noi sappiamo perfettamente che dobbiamo ragionare in tre modi:

  1. Come compra l’utente finale
  2. Come può produrre il nostro cliente (caratteristiche del prodotto)
  3. Come referenzia il buyer del nostro cliente (GDO ecc.)

 

Lo scaffale non è l’unico luogo in cui avviene la scelta del cliente. Infatti, la continua evoluzione delle tecniche espositive del prodotto (visual display) e il cambiamento delle abitudini dei consumatori stessi, ha reso indispensabile lo studio di nuove modalità espositive. È qui che arriva il packaging appendibile che pur non rappresentando una novità, negli ultimi anni è stato sfruttato in modo intelligente per incrementare le vendite dei prodotti e agevolare la distribuzione per diverse categorie merceologiche.

 

 

 

 

 

Porta gli occhi del cliente sul tuo prodotto

Limitarsi a sfruttare gli spazi del punto vendita in modo statico (mensole e scaffali) non permette sempre di ottenere l’attenzione desiderata dal cliente, mentre tecniche espositive capaci di rompere la linearità dello scaffale vengono premiate.

Nella confusione come nella monotonia è la capacità di distinguersi a premiare.

Come è facile intuire, l’elemento differenziate emerge più facilmente e questo fa guadagnare al prodotto un’attenzione maggiore rispetto a quella che avrebbe ottenuto se riposto in scaffale.

 

Settori interessati dal packaging appendibile

Oggi viene fatto un largo uso del packaging appendibile, è facile vederlo nel settore dell’elettronica, in quello dei dolciumi, della cosmesi, nel mondo farmaceutico e anche in quello alimentare (snack, patatine, caramelle, lamette da barba, ecc.), ma non esistono dei veri limiti all’utilizzo di questa soluzione. È sicuramente molto diffuso per alcune forme di packaging monodose, infatti è un’idea intelligente sfruttare una versione monodose del prodotto dedicandogli un’espositore in modalità appendibile. Particolarmente indicata per snack e dolciumi diventa il modo per amplificare la presenza del prodotto sul punto vendita (nella versione da scaffale con grammatura normale e in quella appendibile con grammatura ridotta).

 

esempi-appendibili

 

Dove sviluppare le confezioni appendibili

Se analizziamo l’uso che se ne fa attualmente è facile notare come il packaging appendibile sia particolarmente presente nella zona dell’avancassa, all’inizio delle corsie e sempre più spesso anche all’interno delle stesse.

In alcuni casi dobbiamo prevedere un espositore dedicato che offre una flessibilità maggiore nel posizionamento del prodotto all’interno del punto vendita e che per questo può garantire risultati ancora superiori. È però la grande flessibilità di questa forma di esposizione del prodotto a consentire il suo utilizzo praticamente in ogni angolo del punto vendita.

Accendi la tua lampadina quando sviluppi un packaging e probabilmente rimarrà accesa sempre sulla tua confezione. Proprio il settore delle lampadine è un ottimo esempio, da sempre in questo settore l’esposizione dei prodotti sfrutta un packaging appendibile. Questo avviene sia per motivi di fragilità del prodotto (accatastare i prodotti sullo scaffale potrebbe essere rischioso per la loro integrità) e sia per offrire una migliore visibilità al brand e alle diverse referenze.

 

esempi-appendibili_2

 

Altri due settori che hanno cavalcato fin dall’inizio la scelta di presentarsi al pubblico con confezioni appendibili sono quelli degli accessori dei cellulari e alle cartucce delle stampanti pensa ad esempio alla catena MediaWord. Nelle corsie della grande distribuzione o di un punto vendita monomarca, la scelta di presentare al cliente i prodotti in modalità appendibile è una costante che caratterizza il mercato.

 

Caso studio di packaging appendibile

Die-neue-apoteke_Proprio di recente abbiamo lavorato alla linea di cerotti Die Neue Apotheke destinata al canale farmaceutico tedesco che prevedeva l’utilizzo di confezioni appendibili. Lo sviluppo del packaging del prodotto è stato studiato considerando il suo posizionamento finale sul punto vendita. Questo non ha riguardato solo gli aspetti tecnici (caratteritiche dell’astuccio, foro per appenderlo ecc), ma anche valutazioni inerenti al modo in cui il consumatore si sarebbe potuto avvicinare al prodotto per conoscerne i dettagli. Puoi leggere il caso studio completo a questa pagina.

 

Perché e quando ti conviene un packaging appendibile

Il formato appendibile può rivelarsi una soluzione vincente per il tuo prodotto. Una volta verificate alcune condizioni tecniche (peso, ingombro ecc) è necessario analizzare come stanno comunicando i competitor. Infatti, la differenza di un packaging appendibile perde efficacia in un mercato che già adotta largamente questa soluzione e in questo caso sarà necessaria un’attenta personalizzazione come quella offerta da un espositore dedicato.

In generale non esistono regole pronte all’uso perché solo analizzare di volta in volta il mercato, le caratteristiche del prodotto e il pubblico di riferimento potrà metterci nella condizione di individuare la soluzione più adatta.

 

Sei interessato al costo di un packaging appendibile? CLICCA QUI →

 

 

Scegli come far trovare il tuo prodotto al consumatore

Ogni prodotto per vendere deve essere facilmente individuabile dal cliente e comunicare un messaggio distintivo in pochi istanti. Questo lavoro è affidato al packaging, da noi chiamato Packaging Positioning™. La modalità di esposizione però non può essere un dettaglio secondario e non dovrebbe mai essere trascurata perché anche un buon prodotto con un buon packaging senza la giusta visibilità all’interno del punto vendita faticherà a generare vendite nel modo giusto.

 

Decidi solo tu, con la tua agenzia come vendere i tuoi prodotti (non aspettare)

Trascurare l’importanza di come esporre il tuo packaging è un rischio che oggi nessuna azienda può correre perché sbagliare sulla confezione significa sbagliare il marketing del prodotto, te lo ripeto all’infinito, tutto quello che si vende in una confezione dipende dalla stessa confezione .

Così anche lo studio di formati espositivi differenti dalla semplice scatola sullo scaffale, diventa un dovere per ogni azienda. Questo è ciò che devi fare per vincere la competizione e rimanere sul mercato.

Il nostro lavoro, come agenzia specializzata nello sviluppo del packaging,  è quello di guidarti in queste scelte utilizzando l’approccio scientifico del Packaging Positioning™. Per saperne di più contattaci direttamente e saremo felici di aiutarti a far decollare le vendite dei tuoi prodotti.

 

 

 

Sei interessato al costo di un restyling di un tuo packaging?

Quanto costa un Packaging dal Profitto Genetico™?

Hai bisogno di una Corporate Identity e vuoi sapere il costo?

Sei una startup e vuoi un preventivo?

Vuoi sapere quanto ti costa una confezione singola?

 

 

 

Michele Bondani
Entra nel mondo del marketing nel 1996, nel 1999 ha fondato Ardigia Marketing Funzionale, nel 2013 fonda Packaging in Italy, l'agenzia di Pack dal Design italiano.
Nessun Commento

Lascia un commento: