Piadina Romagnola: esportare grazie al packaging positioning™

Esportare-Piadina-Romgnola

Ti ricordi “Freak” la canzone di Samuele Bersani?
Se sei in difficoltà provo a darti un aiutino…
Recitava più o meno così:

”Sì, come in India.

Hai più pensato a quel progetto

di esportare la piadina romagnola?”

 

A questo punto è del tutto lecito chiedersi cosa c’entra Samuele Bersani con il Packaging? C’entra e parecchio perché nel post di oggi voglio parlare della Piadina Romagnola. Un prodotto storico e amato da moltissimi italiani (io tra loro) ma che riserva non pochi problemi ai produttori e questo per il suo posizionamento sul mercato.

Scrivo questo post dopo un viaggio in Irlanda e come mio solito anche quando mi trovo all’estero entro nei negozi al dettaglio o nella grande distribuzione ed osservo i consumatori. Osservo come si muovono all’interno del punto vendita, le loro motivazioni a l’acquisto, i vari prodotti che in Italia non si trovano e i packaging nei vari segmenti. È proprio durante una delle mie visite che ho trovato un prodotto molto interessante (e per certi versi simile alla Piadina Romagnola) la Tortillas. Quello che mi ha subito colpito è stata la capacità del prodotto di posizionarsi in modo completamente differente rispetto alle altre tortillas in vendita.

 

Il vero problema della Piadina Romagnola

Ma torniamo alla nostra Piadina Romagnola, da cosa è dovuto il suo problema nel posizionamento di prodotto?

Dal non trovare un vero motivo di scelta o una netta differenza tra un produttore e l’altro.

La verità è che per il consumatore medio una piadina è una piadina e comprare quella di un produttore o di un altro non costituisce un elemento differenziante. Certo, esistono piadine più sottili, più spesse, più larghe, più piccole, all’olio o allo strutto, ma sono tutte in bagarre fra di loro.

 

Hai bisogno di un packaging per il mercato estero? CLICCA QUI →

 

 

Aveva ragione Samuele Bersani?

Anche secondo te sarebbe più facile affrontare il mercato estero con il prodotto Piadina per non avere tutta la concorrenza che abbiamo qui?

Dare una risposta precisa è impossibile senza una profonda analisi di mercato sulla richiesta del prodotto nel territorio e altre considerazioni, ma il mio scopo non è questo.

Il mio obiettivo è quello di cercare di stimolare i produttori, in questo caso di piada, a non arrendersi e pensare che il loro mercato non sia già finito come ricerca di prodotto. Ingegnatevi a ricercare nuovi posizionamenti, spremetevi le meningi lavorando sul vostro marketing, perché siete proprio voi con il vostro staff gli unici eroi che possono risolvere la situazione trovando una formula differente e innovativa da proporre sul mercato.

Old-El-Paso

 

Lo hanno fatto con le tortillas, tu cosa aspetti?

Il prodotto che ho trovato sul mercato è della Old El Paso un brand controllato dalla Generals Mills, una multinazionale statunitense  (lo potete vedere presentato in questo link).

Per saperne di più e per trovare nuovi stimoli per il posizionamento dei tuoi prodotti ti invito a vedere gli 8 minuti di video in cui approfondisco l’argomento.

Buona visione.

 

Sei interessato al costo di un restyling di un tuo packaging?

Quanto costa un Packaging dal Profitto Genetico™?

Hai bisogno di una Corporate Identity e vuoi sapere il costo?

Sei una startup e vuoi un preventivo?

Vuoi sapere quanto ti costa una confezione singola?

 

 

 

Michele Bondani
Entra nel mondo del marketing nel 1996, nel 1999 ha fondato Ardigia Marketing Funzionale, nel 2013 fonda Packaging in Italy, l'agenzia di Pack dal Design italiano.
Comments:
  • Gentile Bondani, ho seguito con interesse il suo intervento. Le affinità con il prodotto sono notevoli. La ringrazio per lo spunto.

    21 settembre 2015 at 12:39

Lascia un commento: